Fu costruita negli anni Venti dalla famiglia Iacomelli. Il progetto è firmato da Federigo Severini, un ingegnere pisano che in quegli anni molto realizzò a Viareggio, città in piena espansione. La villa si trova sul lungomare a pochi passi dallo stabilimento balneare Principe di Piemonte. Popolarmente è stata ribattezzata villa Ciano, perché vi trascorrevano periodi di vacanza Galeazzo Ciano, ministro degli Esteri e la moglie, Edda Mussolini, figlia del Duce.

Nel Dopoguerra la villa venne acquistata dalla famiglia Barsanti, che aveva fatto fortuna in Venezuela. Oggi appartiene ad un’impresa immobiliare.

La villa è stata anche location per film e sceneggiati. Fra i più famosi L’Ammiraglio, trasmesso nel 1965 e tratto dal romanzo di Mario Tobino Il Clandestino, opera dedicata alla Resistenza.

Villa Selene conserva, praticamente infatti, gli ambienti interni e le decorazioni interne ed esterne dell’epoca.

Tratto da “Versilia ville e Storie”, Il Tirreno, anno 2015 (Foto: Riccardo Bianchi)