Dovere di imparzialità dell’agente immobiliare

Il mediatore deve svolgere il proprio incarico rimanendo indipendente e neutrale rispetto ai contraenti. Egli pertanto deve comunicare ai contraenti eventuali situazioni che lo pongono in possibili conflitti di interesse (ad esempio nel caso in cui tratti l’affitto di una casa di proprietà di un parente).

 

Doveri dell’agente immobiliare per l’esercizio dell’attività

Per poter esercitare l’attività, l’agente immobiliare deve possedere dei requisiti (morali e professionali) e superare un esame all’esito del quale deve chiedere l’iscrizione nel registro delle imprese o nel Rea (a seconda che l’attività sia esercitata in forma societaria o individuale), presso la Camera di Commercio del luogo competente per sede o residenza. Deve poi presentare la segnalazione certificata di inizio attività (cosiddetta Scia).

Il mediatore che non è iscritto nel registro delle imprese o nel Rea, oltre a non poter richiedere la provvigione, è soggetto a pesanti sanzioni amministrative (da 7.500,00 a 15.000,00 Euro). Se tali sanzioni sono irrogate per tre volte di seguito, si trasformano in sanzioni penali.

Il mediatore deve avere un’assicurazione sulla responsabilità civile per negligenze o errori professionali a copertura dei rischi ed a tutela dei clienti.

Doveri di informazione dell’agente immobiliare 

Il mediatore deve comunicare ai contraenti tutte le circostanze che potrebbero dissuaderli dal concludere l’affare, purché tali circostanze siano a lui note (o conoscibili con la comune diligenza tramite verifiche non complesse) o ne abbia semplicemente avuto notizia. Si pensi alla presenza di abusi edilizi, alla mancanza di agibilità, alla titolarità dell’immobile in capo a chi si propone come venditore, all’eventuale insolvenza dell’acquirente, ecc. Il mediatore non può invece comunicare informazioni non veritiere o su circostanze di cui non ha consapevolezza e che non abbia controllato. Se non adempie a tali obblighi il mediatore è personalmente responsabile nei confronti del cliente per i danni da questi subiti ed è tenuto a risarcirli.

 

Dovere di diligenza e correttezza dell’agente immobiliare

Come tutti i professionisti anche l’agente immobiliare è tenuto a svolgere il proprio incarico con la massima diligenza.

 

Obbligo di registrazione del preliminare

Se non vi provvedono i contraenti, il mediatore professionale deve richiedere la registrazione, in via telematica, dei contratti preliminari di compravendita e/o di locazione, contratti di locazione, ecc. stipulati con la propria assistenza. Deve anche pagare l’imposta di registro, se questa non viene versata dai contraenti: questo perché è responsabile in solido con i contraenti stessi nei confronti dell’Agenzia delle entrate per il predetto pagamento. Una volta pagato, però, egli può rivalersi nei confronti delle parti.

 

Responsabilità dell’agente immobiliare

L’agente immobiliare è responsabile nei confronti dei contraenti, quando: viola gli obblighi di indipendenza e imparzialità; omette di comunicare alle parti le informazioni relative all’affare. È inoltre responsabile in solido con le parti, nei confronti dell’Agenzia delle Entrate, in caso di mancato pagamento dell’imposta di registro.